Che sia nelle chat, nei Forum, nelle sala di aspetto dei pediatri o in mezzo alla strada noi obiettori veniamo sempre tacciati di faciloneria, incoscienza, se non addirittura vera e propria stupidità. I vaccinatori convinti ci vedono correr dietro a medici ciarlatani senza scrupoli che per vendere un paio di lbri mettono a repentaglio la vita dei nostri figli.

Peccato che noi genitori obiettori all’obbligo vaccinale siamo quelli, come nel caso di me e mio marito, che partecipano non solo agli incontri degli obiettori ma anche a quelli ai quali sono chiamati dai medici vaccinatori delle asl; i genitori che vaccinano i loro figli non sono mai messi davanti ad un contraddittorio serio, con medici veri, negli studi delle asl, o negli uffici degli assistenti sociali; non vengono mai ai nostri convegni e vivono sereni e felici con i loro medici che li stimano perché fanno il bene  dei loro figli,  della società intera che li ringrazia per la fantomatica “immunità di gregge”, delle comunità scolastiche e sportive che si sentono al sicuro.

Noi invece siamo costretti ogni volta a spiegare il perché delle nostre decisioni anche a persone (come nei diversi casi legati alle iscrizioni dei nostri figli alle scuole di vario grado e, ultimamente, anche ai corsi di nuoto o palestre in genere) che non ne sanno assolutamente nulla, viaggiamo con il decreto del Presidente della Repubblica nella borsa per far rispettare i diritti dei nostri figli!

Andiamo agli incontri nelle asl sapendo che se non daremo prova di esser in grado di prendere una decisione consapevole potremmo arrivare a doverci difendere con assistenti sociali e addirittura al Tribunale dei Minori (accade anche questo).

E saremmo dei faciloni? Dei creduloni? Ma sapete quanta sicurezza ci vuole per star seduti di fronte al responsabile dei servizi vaccinazioni a perorare la propria causa sapendo che lui è contrario? E sapete cosa ci dà questa sicurezza? Lo studio, i convegni, le domande fatte e le risposte ascoltate e meditate, il NON esser creduloni!

I convegni che organizziamo non sono momenti di autocelebrazione, abbiamo sempre invitato, e sempre lo faremo, i medici dei centri di vaccinazione delle asl e i pediatri dei nostri figli, nonché tutti i genitori; tra di noi ci sono moltissimi che hanno vaccinato i loro bambini e poi si sono ricreduti sulla bontà della pratica vaccinale; non sono emarginati, non sono genitori di serie B; sono genitori che informandosi hanno cambiato idea (anche questo pare sia possibile!!!!!).

E’ vero a volte ci alteriamo quando partecipiamo a forum e chat ma è solo perché siamo stanchi di esser additati addirittura come quelli che fanno campare i figli alle spalle dei vaccinati, che rischiano invece per il bene dell’umanità.

L’ultimo sassolino che voglio togliermi dalla scarpa riguarda i commenti che leggo troppo spesso riguardanti medici come il dott.Gava o il dott.Serravalle che scrivono quelli che, secondo gli adepti delle vaccinazioni, sono solo pubblicazioni senza fondamento scientifico:

Come mai allora non sono denunciati all’ordine dei medici dai loro solerti colleghi?

Come mai quando vai all’incontro con i medici delle asl e li nomini svicolano sempre?

L’invito ai nostri convegni è sempre valido; sedetevi di fronte ad un medico critico nei confronti della pratica vaccinale per come viene eseguita in Italia, o ad un avvocato che si occupa da decenni di autismo e vaccini perché il vaccino ha danneggiato suo figlio e poi ne riparliamo di informazione consapevole; fate a loro tutte le obiezioni, ascoltate le loro risposte ed aprite un contraddittorio  DAL VIVO (e comunque non è la stessa cosa che avere lo spettro degli assistenti sociali o del TdM)! Potreste scoprire che non vogliono convincervi di nulla e che non sono ciarlatani; magari potreste anche scoprire che noi genitori obiettori non siamo proprio (per dirla alla romana) dei “bocconi”.

 

Solo i genitori obiettori si difendono in un contraddittorio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *