Cosa sono le Rune

Le Rune sono la lingua degli Dei del Nord.

In rete troverete moltissimi siti che narrano la loro storia e la loro importanza come strumenti divinatori.

Me ne sono appassionata circa dieci anni fa e, dopo qualche ricerca, acquistai questo che, per me, resta a tutt’oggi il più completo, interessante ed affascinante testo sulle Rune.

Al di là del fatto che si creda o meno alla possibilità di avere informazioni attraverso la divinazione delle Rune, questo testo è estremamente affascinante, racconta per ogni runa la storia legata agli dei nordici, a partire da Odino.

Per farla breve

Il Futhark

Il “Futhark” è l’alfabeto runico.

E’ così chiamato in base alla sequenza dei primi 6 segni che lo compongono: Fehu, Uruz, Thurisaz, Ansuz, Raido, Kano), era l’alfabeto segnico usato dalle antiche popolazioni germaniche (come ad esempio Angli, Juti e Goti).

Le Rune del Futhark

“Le rune probabilmente derivano da una scrittura appartenente al gruppo delle cinque principali varietà di alfabeto italico settentrionale, derivato dall’alfabeto etrusco, e perciò detto “nordetrusco”. L’alfabeto etrusco a sua volta deriva da quello greco arcaico degli eubei, introdotto in Italia centrale nel VII secolo a.C., in uso nella colonia greca dell’isola di Ischia presso la città di Cuma. … ” (crf Origini del futhark )

Sono 24 suddivise in tre famiglie o Aettir: Freya, Heimdall e Tyr.

L’alfabeto runico è stato modificato e manipolato fino ai giorni nostri, i casi più eclatanti e famosi sono stati quelli avvenuti ad opera di Heinrich Himmler  (notoriamente appassionato di occultismo, che le adottò come riferimento simbolico per le SS) e J.R.R. Tolkien.

 

Il fascino delle lettere

Non sono certo le Rune le prime “lettere” ad essere utilizzate come strumenti esoterici, a richiamare il dialogo col divino, ma le Rune in particolare, in base agli studi fatti, sembrano esser state utilizzate prettamente per culto e collegate al forme segrete di scrittura.

Runa in antico sassone, antico irlandese e alto-medio germanico significa: segreto, sussurro

Per chi volesse avere un quadro più completo sulla scrittura in generale, consiglio questo link: La scrittura. Un viaggio attraverso il mondo dei segni

La nostra esperienza con le Rune

Da piccoli, i miei figli, hanno sempre estratto la runa bianca, simbolo del nuovo inizio; a partire dai tre anni sono state diverse, spesso di protezione.

Non le abbiamo più toccate finché mio figlio di sei anni non ha trovato, qualche settimana fa, una collana runica che avevo da parte.

A quel punto le ho riprese e gliele ho date nel loro sacchetto di iuta. Ha voluto scriverci il suo nome ed è stato intenso; ogni runa porta infatti un messaggio, il nome della persona ha quindi un significato ben preciso e complesso.

Scrivere con le Rune

Mentre sta imparando a scrivere, è stato curioso vederlo “studiare” anche un altro alfabeto.

Rune

Rune

Rune, la magia della scoperta delle lettere alchemiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *