Questo è un Natale particolare.

E’ il primo Natale di mio figlio!

Per la prima volta ha guardato stupito l’albero di Natale e le sue lucine ad intermittenza; per la prima volta “scarterà” i suoi regali; per la prima volta è andato a spasso con il cappello di Babbo Natale a fare gli auguri agli amici.

Il primo Natale di mio figlio: una gioia immensa!

Ma è anche il primo Natale senza mia madre!

Ricordo quando Cinzia ed io eravamo piccole si partiva per Fara per festeggiare in famiglia, era come se il Natale durasse due settimane. Eravamo tanti!! Tanti adulti e tanti bambini (siamo otto cugini). Ricordo l’albero che faceva mia nonna all’ingresso di casa: alto e stracolmo di addobbi, e il piccolo presepe sotto la finestra.

Era una vera gioia trascorrere il Natale tutti insieme!

Ricordo che mi svegliavo la mattina e, scendendo in cucina, sentivo il bisbigliare di mia nonna e mia madre che, in dialetto, si raccontavano le cose; ricordo i tegamini del caffé e del latte tenuti in caldo accanto al fuoco; ricordo “li cellucc arpien”, dolcetti che faceva mia nonna (e buoni come i suoi non li ho più assaggiati); e l’odore del camino che impregnava i vestiti e te lo riportavi a Roma!

Per me il Natale durava due settimane (la durata delle vacanze scolastiche) perché eravamo a Fara e ogni giorno era una festa!!! Ho dei ricordi meravigliosi di quella specie di oasi protetta dal caos e della frenesia della città!

Ma, come dicevo, è anche il primo Natale senza la mia mamma.

Se penso che non sta vivendo il primo Natale di Mario mi assale la tristezza ma poi penso a come era lei, non stanca e apatica come la mallattia, le troppe medicine, i prelievi e i continui ricoveri con diagnosi che poi si rivelavano errate l’avevano fatta diventare, ma come era lei sul serio!!!. Mamma amava molto la compagnia, i grandi pranzi e stare a chiacchierare per ore!!! Amava la vita e viverla appieno, non era il tipo da stare ferma a rimuginare, lei era una che “faceva”, andava, partiva, grandissima organizzatrice non le sfuggiva niente 🙂

Così mentre penso a mia mamma nel giorno della Vigilia di Natale, il primo con mio figlio e senza di lei, so che, amante della festa come era, vorrebbe che noi festeggiassimo con i suoi nipoti, tutti insieme in famiglia … … certo non è l’Abruzzo ma l’importante è “santificare le feste” e il modo che lei mi ha insegnato è quello della gioia.

Natale, mio figlio e mia mamma!

Un pensiero su “Natale, mio figlio e mia mamma!

  • 24 dicembre 2012 alle 10:12
    Permalink

    Grande mamma che avevo 😉

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *