Oggi è una giornata strana! E’ la mia prima “Festa della mamma” da mamma ed è la mia prima “Festa della mamma” senza la mia mamma. Mio figlio è dato il 13 gennaio e mia madre è morta il 26 febbraio, senza poterlo neanche vedere una volta.

Ho perso la mia mamma nel momento della vita in cui la avrei voluta di più accanto, quello in cui avremmo potuto condividere l’essere madre! Mi rimangono tanto domande non poste e tante risposte non date… … ma anche se oggi, più di qualunque altro giorno da quando non c’è più, la sua mancanza si fa più sentire, continuo a pensare che quello che mi è rimasto di lei è la cosa più importante: il suo esempio di madre, il suo esserlo ogni giorno con amore e con fermezza, la sua dedizione a me, a mia sorella e a mio padre.

E quando noi figlie, crescendo, non abbiam più avuto bisogno di lei in modo così totale, lei ha aperto al mondo la sua capacità di esser madre; ha cercato di esser mamma di chi la mamma non l’aveva, o semplicemente di chi aveva una vita famigliare un po’ più complicata.

Era una persona semplice che non amava mettersi in evidenza; era una donna che alle parole preferiva i fatti e sapeva ascoltare, ascoltava col cuore per questo in tanti si affidavano a lei come fosse una roccia; la sua semplicità era allo stesso tempo fermezza!

Mia madre rendeva straordinario l’ordinario!

Mia madre rendeva straordinario l’ordinario!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *