“Integrazione e babywearing” è un articolo lo scrissi a novembre del 2016 per un altro blog. Lo copio qui perché fa parte di me, della mia storia, del mio vissuto di persona e di professionista.

Questa mattina arrivo nel centro in cui avevo appuntamento con altre mamme, mi accomodo sul divanetto e, dopo un po’, ne arriva una, è nigeriana ed ha un bimbo di poco più di un anno.

Mio figlio Lucio (due anni) non si sente a suo agio, è la prima volta che viene, ha anche un po’ sonno così gli propongo di venire sulla schiena in modo che si senta più sicuro, tiro fuori la fascia, lo lego, lei mi osserva e poi chiede alla signora che fa da mediatrice riferendosi a me: “Ma è italiana?”

Si, sono italiana, le rispondiamo sorridendo, e porto mio figlio di due anni in fascia 🙂

Rimaniamo a chiacchierare per qualche ora tra mamme, di figli, di latte, di pappe, di torte e cake design, decidiamo di cucinare insieme un bel pranzetto la prossima volta e di fare qualche bell’addobbo per Natale per stare insieme e conoscerci meglio.

Insegnami a legare come fai tu

Prima di andare arrivano in tre con le loro stoffe tradizionali e Blessing mi chiede di insegnarle a portare sulla schiena come porto io.

Poi arriva Grace col suo Flytai e subito “Voglio provarlo io” Grace aiuta a metterlo, la bimba ha sei mesi quindi per lei è perfetto e i commenti di approvazione arrivano subito:, “Bello, comodo, mi piace …”

Ed ecco Vivienne … “A me farebbe comodo una cosa così” ed è vero perché la sua bimba è nata settimina, con diversi problemi, tenerla cuore a cuore anziché dietro farebbe bene alla piccola ed anche a lei e lo riconosce.

Grace, Tania ed io ci guardiamo e ridendo ci diciamo che è veramente assurdo quel che tante (troppe) volte leggiamo sui social quando si parla dei diversi modi di praticare il babywearing, perché in quella stanza nessuna si stava chiedendo quale fosse il vero senso del portare, nessuna si è misurata il giro fianchi per vedere se anatomicamente questo fosse il discriminante per poter portare in un modo o nell’altro, nessuna ha ragionato sul perché noi usiamo una stoffa tanto più lunga, nessuna si è messa a sviscerare nulla…

Mi fai vedere come fai tu?

Si certo, io faccio così.

Integrazione del portare

Ed ecco il risultato meraviglioso, una legatura che tecnicamente è a metà tra il suo portare ed il mio portare, la fascia può diventare anche un ponte, strumento utile per integrarsi semplicemente condividendo una pratica di accudimento.

Integrazione e babywearing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *