Questo è il documento con il quale i Cobas della Scuola chiedono ai genitori di non far sostenere ai propri figli le prove invalsi. Chiedono ai genitori di tenere a casa i bambini e di specificare sulla giustificazione “No assenso prove INVALSI”.

Ora domando a questi genitori: ma veramente volete continuare a combattere battaglie contro questa scuola utilizzando i vostri figli come “arma”? Veramente pensate, come scritto in questo volantino, che siccome è possibile rifiutarsi non ci saranno “ritorsioni” sui vostri bambini da parte di chi questo “percorso” lo ha ideato e lo vuole portare avanti?

Veramente pensate che sia giusto far “lottare” un bambino di sette anni per i suoi diritti? Non farlo andare a scuola? Renderlo diverso dalla massa che, invece, il test invalsi lo farà?

Pulite le aule, riparate muri, comprate la carta igienica, i materiali di cancelleria, dovete discutere sui programmi, sulle attività extrascolastiche, sull’educazione sessuale imposta, sui test invalsi, sulle maestre di sostegno non preparate (perlomeno non tutte), vivere nel timore che qualche insegnante picchi o maltratti verbalmente i vostri figli, che il cibo delle mense non sia scadente o, addirittura, scaduto … … tutto per?

Vi siete accollati tutti i doveri in cambio di cosa?

Di insegnanti validi?

Del “diritto” all’istruzione?

Gli insegnanti validi possono lavorare anche in altri contesti (moltissimi già lo fanno) e i bambini di oggi hanno a disposizione una infinità di strumenti che possono aiutarli a scoprire quel che vogliono imparare (sicuramente imparerebbero prima e meglio se qualche adulto si dedicasse a loro invece di parcheggiarli davanti a tv o console).

Quando “consegnate” i vostri figli alla scuola (leggi stato italiano) cosa vi aspettate?

Lo Stato Italiano decide come meglio crede e i vostri figli sono suoi per le ore che stanno in aula. Se mandassi mio figlio a studiare in un convento di certosini non mi potrei certo stupire nell’apprendere che studia la religione cattolica, che prega in cappella alle feste comandate, che impara a memoria litanie, se non condivido questi valori non ce lo mando proprio.

Siamo così abituati a combattere e difenderci che non vediamo altre vie, anche se esistono, anche se ci sono tanti genitori che già le stanno percorrendo con ottimi risultati (soprattutto per quel che riguarda la serenità della loro vita).

Ora vi lascio con il famigerato appello non senza prima raccontarvi un aneddoto simpatico; cercavo una immagine da inserire per questo articolo e mi sono imbattuta nelle risposte … diciamo fantasiose di alcuni ragazzi. Sono fantastiche, ve ne copio solo alcune.

 

No_INVALSI_pc.pdf

Bimbi scolarizzati e test invalsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *